Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Alamanacco della Scienza

Archivio

N. 6 - 26 mar 2014
ISSN 2037-4801

Focus - Cervello  

Salute

Ginnastica (mentale e fisica) contro l'Alzheimer

Contrastare la progressione del declino cognitivo verso la demenza nei malati di Alzheimer. È questo il fulcro del progetto 'Train the Brain’ (Allena il cervello). Il programma, che nel 2013 ha ricevuto il Premio Eureka per l’innovazione e la tecnologia del ministero dell’Istruzione, università e ricerca, è nato da un’idea del neurobiologo Lamberto Maffei, presidente dell’Accademia dei Lincei, ed è realizzato dagli Istituti di fisiologia clinica (Ifc) e di neuroscienze (In) del Cnr di Pisa, in collaborazione con l’Università di Pisa e con l’Irccs Fondazione Stella Maris. La Fondazione Pisa della Cassa di risparmio lo ha poi finanziato per quattro milioni di euro insieme all’Ifc-Cnr.

'Train the brain’ è un programma sperimentale di arricchimento ambientale, fisico, cognitivo e socio-sensoriale che intende affermarsi come contromisura non-farmacologica per combattere la malattia. “Il cervello dell’anziano sano, o nelle prime fasi della malattia, mantiene una sua plasticità, con capacità di riadattamento che possono essere facilitate da un esercizio fisico regolare, da stimoli sociali e sensoriali piacevoli quali ascoltare musica o ballare con gli amici, e tenendo la mente attiva”, spiega Eugenio Picano, direttore dell’Ifc-Cnr e responsabile del progetto.

Se la persona anziana vive circondata da stimoli positivi e gradevoli il suo declino cognitivo verrà rallentato. “La perfusione cerebrale e la funzione vascolare sono a loro volta migliorate. I benefici dell’arricchimento ambientale si registrano tuttavia solo a lungo termine: servono mesi per produrre effetti apprezzabili e tecnologie sofisticate per documentarli”, osserva Picano.

Lo studio su 500 pazienti ha preso il via nel marzo 2012 e si è concluso a gennaio. Tra questi, 118 con lieve declino cognitivo sono stati seguiti combinando il trattamento standard e la terapia di arricchimento ambientale. “I pazienti possono seguire gratuitamente una terapia integrata e combinata con l’aiuto di fisioterapisti, psicologi, musicoterapeuti e cardiologi. La loro partecipazione è un atto di consapevolezza e generosità sociale i cui benefici ricadranno su tutta la comunità”, conclude Picano.

I dati preliminari saranno presentati il 4 aprile prossimo a Pisa. Per i risultati definitivi bisognerà aspettare fine agosto.

Marina Landolfi

Fonte: Eugenio Picano, Istituto di fisiologia clinica, Pisa, tel. 50/3152398 , email picano@ifc.cnr.it -