Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Alamanacco della Scienza

Archivio

N. 12 - 11 lug 2012
ISSN 2037-4801

L'altra ricerca   a cura di Rosanna Dassisti

Agroalimentare

Il più antico latte africano proviene dal Sahara 

Giunge dal Sahara il più antico latte africano di cui sono state scoperte tracce nei frammenti di un vaso del sito neolitico Takarkori, in Libia, datati 5200 a.C. Lo studio dei residui microscopici della sostanza organica fornisce nuove notizie storiche che consentono di ricostruire spaccati di vita quotidiana degli antichi pastori africani, di cui finora solo l'arte rupestre aveva fornito un affresco, con scene di mungitura delle attività pastorali del Neolitico di datazione però problematica. La ricerca condotta su una selezione di frammenti ceramici (datati tra circa 5200 e 4000 a.C.) da Stefano Biagetti e Savino di Lernia della 'Missione archeologica nel Sahara' della Sapienza (www.acacus.it), in collaborazione con Julie Dunne e Richard Evershed dell'Università di Bristol (Uk), ha permesso, attraverso analisi chimiche e isotopiche, di identificare residui di grassi interpretabili con certezza come latte trasformato. Questo lavoro consente quindi di stabilirne l'inizio del consumo della lavorazione attraverso cottura in molti (circa il 30%) dei contenitori ceramici rinvenuti.
La scoperta, pubblicata sul numero di giugno di 'Nature', testimonia inoltre l'elevato sviluppo sociale ed economico raggiunto dai pastori del Neolitico medio nel Sahara centrale, evidenziata dai resti di accampamenti, monumenti funerari e di arte rupestre.

Manuela Costa