Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Alamanacco della Scienza

Archivio

N. 11 - 20 giu 2012
ISSN 2037-4801

L'altra ricerca   a cura di Rosanna Dassisti

Salute

La salute? È ad personam

"La salute rappresenta una risposta di speranza. La sanità non costituisce una spesa, ma una risorsa, un volano economico, un diritto fondamentale di cui l'Italia è ambasciatrice nel mondo". A dirlo il ministro della Salute, Renato Balduzzi, che insieme con la presidente della Regione Lazio, Renata Polverini ha aperto i lavori del 'Sanit', il Forum internazionale della salute, svoltosi al Palazzo dei congressi dell'Eur, a Roma, dal 12 al 15 giugno.

"Il 'Sanit' rappresenta il fulcro di una serie di aggiornamenti e confronti sul tema della salute, con l'obiettivo di porre a confronto istituzioni, aziende e cittadini sulle buone pratiche in ambito sanitario, sulle possibilità e le scelte future della medicina e delle scienze a essa correlate, sulla ricerca e il volontariato", ha spiegato Andrea Costanzo, presidente del Forum.

I 50 convegni in programma hanno trattato argomenti di attualità come la riduzione degli accessi impropri al pronto soccorso, le difficoltà dei piani di rientro regionali, ma anche tematiche quali la prevenzione del suicidio in tempo di recessione economica, le ultime scoperte sulla morte cardiaca improvvisa nei giovani, i programmi vaccinali, l'obesità infantile, l'etica e le prestazioni sanitarie in periodo di crisi, l'alimentazione e le malattie cardiovascolari, nutrirsi a km zero, terme e benessere.

Tra gli appuntamenti della IX edizione, il workshop 'Sanitech', dedicato all'incontro tra imprese e investitori, con un info day sul 7° Programma Quadro, e tra imprese e ricercatori italiani e stranieri, con l'obiettivo di promuovere joint venture, servizi di intermediazione e partnership.

Il 'Sanit Check up', ha consentito invece al grande pubblico dei visitatori di accedere a controlli di prevenzione primaria gratuiti: dalla visita dermatologica a quella cardiovascolare, dalla consulenza sui disturbi del sonno alla cura del mal di testa, dalla piccola scuola per il primo soccorso neonatale al controllo odontoiatrico.

Ma il 2012 è anche l'Anno europeo per l'invecchiamento attivo e il Sanit non poteva non occuparsi del rapporto intergenerazionale, volto a promuovere opportunità di miglioramento delle condizioni sociali e di salute attraverso la ricerca scientifica e la prevenzione degli stili di vita salutari, del benessere psico-fisico e di una sanità sempre più personalizzata.

''L'umanizzazione delle cure fino a qualche anno fa era scontata, oggi con i nuovi strumenti tecnologici di diagnostica e terapia è passata talvolta in secondo piano", ha specificato il ministro.

Silvia Mattoni