Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Alamanacco della Scienza

Archivio

N. 20 - 14 dic 2011
ISSN 2037-4801

L'altra ricerca   a cura di Rosanna Dassisti

Ambiente

Vesuvio attivo e in... crescita

Il Vesuvio cresce di quattro millimetri l'anno. È quanto emerge da uno studio condotto dal geofisico Aldo Marturano, in collaborazione con i colleghi dell'Osservatorio vesuviano, dell'Università Federico II e della Sovraintendenza archeologica di Pompei, pubblicato sulla rivista Journal of Volcanology and Geothermal Research. La ricerca dimostra che l'area ha subito un sollevamento di 80 metri negli ultimi 20mila anni, dovuto all'aumento della pressione dei gas e dei magmi che si vanno accumulando a 20 chilometri di profondità, facendo registrare una crescita media, appunto, di quattro millimetri all'anno. Il fenomeno è in controtendenza rispetto alla piana campana che, invece, si sta lentamente abbassando.

I ricercatori sono arrivati a questa conclusione analizzando i campioni di sedimenti marini e vulcanici estratti da una perforazione nell'area archeologica di Ercolano, a sette chilometri a ovest dal cratere del Vesuvio. L'analisi dei fossili ha permesso di ricostruire gli ambienti attorno alla montagna e di evidenziare che il Vesuvio ha alternato periodi turbolenti a periodi di quiete.

"Il Vesuvio è quiescente dal 1944", ricorda Marturano. "In quell'anno avvenne un'eruzione esplosiva medio-piccola che ha chiuso l'ultimo ciclo, iniziato nel 1631 con un'eruzione sub-pliniana, che privò il panorama del caratteristico pennacchio". Il monte Somma-Vesuvio rimane comunque "un vulcano attivissimo, il suo destino è di eruttare ancora".