Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Alamanacco della Scienza

Archivio

N. 19 - 23 nov 2011
ISSN 2037-4801

L'altra ricerca   a cura di Rosanna Dassisti

Informatica

Freerumble: farsi sentire sul web

A Roma, presso Palazzo Marini, si è svolta l'inaugurazione ufficiale di Freerumble (www.freerumble.com), un social network web esclusivamente audio. Il progetto nasce da un'idea di Sonia Topazio, capo ufficio stampa dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), grazie al supporto dell'Osservatorio siti internet (Osi) dell'Unione italiana ciechi e ipovedenti (Uici).

"Nel mondo ci sono 45 milioni di persone non vedenti", spiega Sonia Topazio. "Per loro Youtube e gli altri social network sono quasi inutili. Il nostro riporta invece l'attenzione sulla comunicazione orale e per i non vedenti potrebbe costituire uno spazio più accessibile".

Freerumble nasce per rispondere ad un esigenza specifica. Nel 2010, durante l'eruzione del vulcano islandese Eyjafjallajökull, alcune testate radiofoniche richiedevano comunicati stampa e interviste di ricercatori in formato audio. "Per facilitare il lavoro dei colleghi abbiamo creato la piattaforma Freerumble", spiega Topazio, "e solo in seguito ci è venuta l'idea di 'aprirla' in modalità social, permettendo a chiunque di 'far sentire la sua voce' sul web. Freerumble non è destinato solo ai non vedenti e non è uno spazio tematico: anzi, è possibile parlare di qualsiasi cosa".

Cinque le sezioni: una per ascoltare gli audio inseriti, Rumblesecret per scambiare file audio in riservatezza, Rumblepedia che è una 'libera enciclopedia' audio, i canali blog e la sezione per caricare i file. Tra i primi canali aperti, quello dell'Uiciechi, dell'Enea e dell'Ordine dei giornalisti del Lazio, poi quello dell'Ugis-Unione giornalisti scientifici e della Federazione nazionale stampa italiana; infine quelli di Lincei, Lila, Anlaids e ovviamente Ingv.

Claudio Barchesi

Fonte: Sonia Topazio, Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia, tel. 0039 06 51860543 , email sonia.topazio@ingv.it -