Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Alamanacco della Scienza

Archivio

N. 6 - 30 mar 2011
ISSN 2037-4801

Focus - Primavera  

Salute

Sorridi, è primavera

Con l'arrivo della bella stagione il nostro umore migliora "Più che di un cambio, possiamo parlare di un disturbo dell'umore", spiega Maria Paola Graziani, psicologa dell'Istituto di scienze dell'alimentazione (Isa) del Cnr di Avellino. "Ogni individuo ha un proprio 'tono' che deriva dalle abitudini, dal temperamento, da alcune dotazioni biologiche in parte di base e in parte  influenzate dall'ambiente di sviluppo e socio-culturale. Molti studi e ricerche scientifiche dimostrano come l'avvicendarsi delle stagioni coincida con alterazioni di questo tono umorale: la maggior densità di raggi solari che si verifica in primavera ed estate, ad esempio, stimolando la melatonina, ormone con funzione di 'regolatore biologico', può  influire sul positivo modificarsi  del nostro stato d'animo".

Anche la latitudine in cui si vive ha una sua incidenza. "Nelle regioni più assolate, in cui le opportunità di vita all'aperto consentono  un numero maggiore di rapporti sociali si rileva negli individui un umore di tono più positivo rispetto a quello di chi vive in regioni più impervie e con clima più sfavorevole", prosegue la ricercatrice dell'Isa-Cnr.

Sui cambiamenti di umore stagioni incide inoltre la disposizione individuale ai 'fattori di stress' ai quali alcune persone sono più sensibili di altre. "La maggiore o minore sensibilità al mutare delle stagioni dipende in gran parte da abitudini,  modelli socio-culturali e da esposizioni a  dosi di stress che per alcuni risultano non controllabili", conclude Graziani. "Anziani e bambini, ad esempio, se lasciati soli o in difetto di relazioni affettive, possono sviluppare un carico eccessivo di stress psicologico e presentare variazioni di umore che possono interagire con quelle stagionali. Anche le donne possono verificarsi distimie (depressioni minori) relative a individuali basse tolleranze a fattori di stress che per lo più, nella società postmoderna, riguardano il gruppo sociale di appartenenza: negazione d'identità, difficoltà nelle relazioni, insoddisfazione del corpo etc.".

Paolo Dionisi

Fonte: Maria Paola Graziani, Istituto di scienza dell'alimentazione, Avellino , email mpgraziani@isa.cnr.it -