Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Alamanacco della Scienza

Archivio

N. 4 - 2 mar 2011
ISSN 2037-4801

Focus - Acqua  

Socio-economico

Tra gestione pubblica e privatizzazione

Un'intera giornata dedicata ai problemi sociali, economici e politici che ruotano intorno alla sua gestion dell'acqua si è tenuta a Roma con il convegno ‘Dammi da bere' organizzato dall'associazione Grenenaccord con il supporto della Provincia di Roma. Tanti i temi affrontati da esperti internazionali: dall'importanza di garantire davvero il diritto all'acqua a tutta la popolazione mondiale alla necessità di pervenire a un sistema di gestione più lungimirante e più sostenibile da un punto di vista ambientale.

L'appuntamento si è articolato in due sessioni. La prima, dedicata all'analisi dello scenario internazionale e focalizzata sulle problematiche legate ai problemi di approvvigionamento idrico che affliggono oltre un miliardo e mezzo di persone; la pomeridiana, incentrata, sulla situazione italiana. "Abbiamo fatto enormi progressi in tema di gestione pubblica di risorse idriche. La nascita degli Ato (ambito territoriale ottimato) ha spronato lo sviluppo di servizi idrici integrati e ha aggregato una gestione prima frammentata tra molti soggetti diversi. Ma questo modello funziona per i comuni più grandi. I centri più piccoli sono, invece, abbandonati a loro stessi" ha commentato Maurizio Pettine, direttore dell'Istituto di ricerca sull'acqua (Irsa) del Cnr. "E il problema è più acuto nei momenti di crisi. Ricordiamo, ad esempio, la secca del Tevere che qualche anno fa ha allarmato i tecnici oppure quella del Po del 2003, quando la poca acqua a disposizione produsse aspre polemiche tra l'Enel, che la voleva per alimentare la propria centrale, e gli agricoltori della zona che cercavano di salvare i raccolti minacciati dall'ondata di calore".

Il convegno si è concluso con una tavola rotonda sui due referendum ammessi dalla Corte costituzionale che chiedono l'abrogazione di ampie parti della recente legge sulla privatizzazione della gestione dell'acqua, sui quali i cittadini saranno chiamati a rispondere nella prossima primavera. Hanno partecipato al dibattito, tra gli altri, l'estensore della legge Andrea Ronchi, ex ministro delle Politiche europee, il suo omonimo Edo Ronchi, presidente della Fondazione per lo sviluppo sostenibile e già ministro dell'Ambiente nel primo governo Prodi, e Paolo Carsetti, segretario del Forum italiano dei movimenti per l'acqua.

Paolo Dionisi

Fonte: Maurizio Pettine , Istituto di ricerca sulle acque, Roma, tel. 06/90672768, email maurizio.pettine@irsa.cnr.it