Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Alamanacco della Scienza

Archivio

N. 3 - 16 feb 2011
ISSN 2037-4801

L'altra ricerca   a cura di Rosanna Dassisti

Salute

Un futuro a 28 denti

Strano destino quello dei denti del giudizio: sono gli ultimi a spuntare, in alcuni casi creano tali problemi da costringere a toglierli. E sempre più spesso neanche si formano. Sembra che in futuro potrebbero addirittura estinguersi. Colpa dei cibi molli, del 'fast food', diciamo. A formulare quest'ipotesi  è il presidente della Società italiana di ortodonzia Claudio Chimenti, che prevede per la specie umana un futuro a 28 denti, invece che a 32.

Non sarà nell'immediato futuro, e d'altra parte  "sui tempi dell'evoluzione non si possono mai fare previsioni certe, ma l'addio ai denti del giudizio è decisamente probabile". Precisa l'esperto "L'uomo è nato per masticare", "ma mentre i nostri avi seguivano una dieta ricca di carne cruda e di alimenti duri, oggi  mettiamo nel piatto cibi molto cotti e sempre più molli".

Senza masticazione, indispensabile 'allenamento'  per denti e gengive, sono sempre più frequenti cambiamenti nella formazione dei denti dei giudizio", conclude Chimenti. Inoltre sono aumentati  nei  bambini i casi di malocclusione proprio perché i nuovi alimenti aiutano meno lo sviluppo delle strutture ossee della bocca.