Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Alamanacco della Scienza

Archivio

N. 1 - 19 gen 2011
ISSN 2037-4801

L'altra ricerca   a cura di Rosanna Dassisti

Cultura

Un protestante alla guida della Pontificia accademia delle scienze

 

 

 

 

Un Nobel non cattolico è stato nominato da Papa Benedetto XVI presidente della Pontificia accademia delle scienze. E' Werner Arber, professore emerito di Microbiologia all'università di Basilea; succede a Nicola Cabibbo, scomparso nell'agosto scorso.

Nato a Gränichen (Svizzera) il 3 giugno 1929, Arber ha ricevuto il riconoscimento del Karolinska Institutet per la Fisiologia e medicina nel 1978 insieme con Hamilton O. Smith e Daniel Nathans per le sue ricerche sul meccanismo di difesa della cellula batterica nei confronti dei virus.

Compiuti  gli studi a Zurigo e Ginerva, il microbiologo si è trasferito negli Stati Uniti, dove ha lavorato con Joe Bertani, Gunther Stent, Joshua Lederberg e Salvador Edwards Luria. Si è dedicato in particolare allo studio del meccanismo di difesa della cellula batterica dai virus. La sua opera è legata alla scoperta di particolari enzimi, le endonucleasi di restrizione, che possono venire impiegati nello studio dell'organizzazione genetica e che aprono la via all'ingegneria genetica.
Di fede protestante, è il primo non cattolico chiamato da un Papa alla guida dell'istituzione vaticana, nella quale tuttavia sono presenti anche scienziati non credenti.

Arber ha ricoperto diverse cariche in organismi scientifici a livello internazionale ed è stato presidente dell'Icsu (International Council for Science).